NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Controversie cliniche nel trattamento del carcinoma ovarico

Controversie cliniche nel trattamento del carcinoma ovarico

Milano 11 giugno 2013

Direttori: Domenica Lorusso, Giovanni Scambia, Gian Franco Zannoni.
Malgrado i miglioramenti intervenuti nel trattamento del carcinoma dell’ovaio, legati sia alla tecnica chirurgica sia al trattamento chemioterapico, il 75% delle pazienti con carcinoma ovario in stadio avanzato di malattia alla diagnosi svilupperà una recidiva di malattia. La migliore chemioterapia di prima linea rimane ancora da definire e i tentativi di aggiungere un terzo farmaco alla combinazione standard rappresentata dal Carboplatino-Paclitaxel, piuttosto che l’aggiunta di un farmaco come mantenimento, non hanno dimostrato un miglioramento della sopravvivenza rispetto al gold standard. Recenti evidenze di letteratura posano sempre più l’accento, anche nel trattamento del carcinoma dell’ovaio, sull’utilizzo, in aggiunta alla chemioterapia, dei farmaci biologici in combinazione e in mantenimento ponendo serie problematiche mondiali di sostenibilità della spesa sanitaria.
Per accedere alle diapositive del convegno è necessario essere registrati al portale ASKIT. Se sei già registrato Accedi e inserisci il tuo Nome utente e la tua password. Se è la prima volta che accedi ad ASKit, registrati adesso.
 

Relazioni